Tim 1000 mega

TIM porta la banda ultralarga in Campania


Tim prosegue il suo progetto di portare la banda ultralarga per offrire sino a 1000 Mega nella regione Campania.

A Nola, Casal di Principe e San Nicola la Strada è finalmente arrivata la connessione superveloce a 1.000 Megabit grazie alla nuova rete FTTH ( Fiber to the Home). Grazie a questa nuova connessione sarà disponibile sin da subito in questi paesi l’offerta Fibra a 300 Megabit. E per coloro che sceglieranno di attivarla potranno chiedere di sperimentare, senza costi aggiuntivi, l’ultra -internet con connettività fino a 1000 Mega al secondo in download e 200 in upload. Si tratta della più alta velocità di connessione mai raggiunta in Italia a livello residenziale.

Il progetto Fibra 1000 Mega

I collegamenti con la fibra sono già attivi in alcune aree dei comuni e saranno progressivamente estesi su altre aree. Il progetto ha come obiettivo quello di mettere a disposizione delle principali città italiane le più avanzate soluzioni di rete per la banda ultralarga. Chi aderirà all’iniziativa riceverà un modem di uova generazione per consentire l’erogazione del servizio a 1000 Mega.  In campania la connessione 1000 mega è già disponibile nelle città di Aversa e Marcianise. Ma la sperimentazione sarà presto estesa a nuove città.

Obiettivo del progetto

Infatti, Tim sta realizzando a  Nola, Casal di Principe e San Nicola la Strada una rete a banda ultralarga ancora più performante. L’obiettivo è quello di offrire una ancora più elevata qualità nella fruizione di contenuti video in HD e 4K e una migliore esperienza di navigazione.

La connessione ultraveloce permetterà di usufruire di contenuti multimediali contemporaneamente su smartphone, tablet e smart tv. E le imprese potranno inoltre sfruttare le potenzialità della connessione in fibra ottica. Quest’ultima è utile per applicazioni innovative quali:  la telepresenza, la videosorveglianza e i servizi di cloud computing per le aziende. Ma anche la realizzazione del modello di città intelligente per le amministrazioni locali, tra cui la sicurezza e il monitoraggio del territorio, l’info mobilità e le reti sensoriali per il telerilevamento ambientale.